1
A forma di mamma

Come e quando togliere il ciuccio al bambino? Ecco i trucchi infallibili

Per tutti i bambini, prima o poi, arriva il tanto temuto momento di dire addio al ciuccio. Qualche lacrimone e un po’ di urla sono quasi certamente da mettere in conto, ma non è un’impresa impossibile per una mamma in gamba come te!
 

La prima domanda che tutte si pongono è: quando togliere il ciuccio al bambino?

togliere_ciuccio

Come spesso accade quando si tratta di neonati, non esiste un’età precisa. Grazie alla sua funzione consolatoria e preventiva, il ciuccio è molto utile ai bambini nei primi mesi di vita, una volta che l’allattamento è ben avviato. Inoltre gli esperti concordano nel ritenere che, almeno fino al 24° mese di vita, i succhietti ortodontici e di nuova generazione favoriscano il corretto sviluppo ella bocca e dei dentini. Viceversa, è consigliabile sospendere l’uso del ciuccio qualora il suo uso intensivo dovesse provocare otiti o fastidi alle orecchie.

 

Anche se il tuo bambino sembra davvero inseparabile dal suo amato succhietto, non disperare! Ci sono diversi trucchi infallibili per togliere il ciuccio ai bambini. Vediamo qual è quello che fa al caso tuo.
 

  1. Togliere presto il ciuccio. Per riuscire nell’impresa, un buon sistema sarebbe quello di toglierlo il prima possibile evitando di rimandare: se il tuo bimbo diventa più grandicello, la sparizione del ciuccio potrebbe diventare più difficile da giustificare! Viceversa, se è ancora abbastanza piccolo (meno di 12 mesi) dopo qualche giorno se ne dimenticherà;

  2. Farlo sparire. Sono molte le mamme che preferiscono maniere un po’ più drastiche decidendo di far sparire il ciuccio di punto in bianco, senza troppe spiegazioni né giri di parole. Se sceglierai questa soluzione, ricorda di essere ferma sulla tua decisione e non lasciarti intenerire dai suoi pianti e dai suoi dolci occhioni;

  3. Toglierlo gradualmente. Se propendi per una soluzione meno brusca e repentina, puoi provare ad eliminare il ciuccio gradualmente, ad esempio, offrendolo al tuo bambino solo in determinate circostanze nelle quali pensi che ne possa avere più bisogno, come al momento della nanna, oppure solo in alcuni orari;

  4. Inventare una storiella. Se tuo figlio è abbastanza grandicello, un pizzico di fantasia può farti comodo. Una delle soluzioni più efficaci per togliere il ciuccio è quello di inventare una favoletta: via libera quindi a fatine, folletti e buffi animali sui quali far ricadere la responsabilità, magari in cambio di un piccolo premio o di un giochino consolatorio;

  5. Anche questo trucco potrebbe sembrare un tantino crudele ma, a quanto pare, per molte mamme è efficace. Davanti all’evidenza di un ciuccio rotto e ormai inutilizzabile, ad esempio a causa delle incisioni dovute ai suoi stessi dentini, il tuo bambino potrebbe pian piano rassegnarsi. Preparati a coccolarlo e vedrai che si consolerà presto!

  6. Dare al ciuccio un sapore cattivo. In casi estremi, potresti provare a dare al ciuccio un sapore amaro o sgradevole. Si tratta di un rimedio un po’ cattivello ma molto efficace!

  7. Convincerlo che ormai è Se il tuo bambino è già abbastanza grande puoi far leva sul fattore età: prova a convincerlo che ormai è un ometto e non ne ha più bisogno, proprio come i grandi, magari invitandolo a regalarlo (simbolicamente) ad un bimbo più piccolo;

  8. Lasciare che lo abbandoni da solo. Come amiamo sottolineare, ogni bambino è un mondo a sé, ciascuno con i suoi tempi e le sue esigenze. Uno dei modi per togliere il ciuccio ai bambini consiste nel lasciare che la natura faccia il suo corso. Molto spesso, infatti, l’iniziativa parte proprio dai bimbi, che riconoscono il momento giusto per separarsene.
     

Togliere il ciuccio senza traumi può sembrare difficile, ma non è certo impossibile! Chiaramente questi sono solo dei suggerimenti ma sarai solo tu, mamma, a scegliere la soluzione più adatta al tuo bambino. Qualunque sia il sistema che deciderai di adottare, evita di ritornare sui tuoi passi alla prima difficoltà o al primo pianto inconsolabile. Ricorda inoltre di non forzare troppo i tempi e di non prenderlo mai in giro né metterlo a disagio davanti ad altri bambini. Infine, qualunque rimedio tu scelga, assicurati che sia condiviso da tutto il resto della famiglia, altrimenti potrebbe essere solo fatica sprecata!

Entra a far parte del Club My Baby & Me