1
0

Carrello

Al momento non ci sono articoli nel carrello.

    • Puoi restituire il prodotto entro 45 giorni

    • Spedizione gratuita per ordini superiori a €35

    • 2 anni di garanzia

    A forma di mamma

    Quanta acqua dare al bambino durante il giorno? I nostri consigli


    Molte mamme si chiedono quanta acqua devono bere al giorno i bambini: ecco la guida, secondo le linee della Società Italiana di Nutrizione Umana.


    Ti chiedi quanta acqua sia giusto dare al tuo bambino durante il giorno? La risposta, ovviamente, varia molto in funzione della sua età e di altri fattori. E anzi, forse ti sorprenderà sapere che, finché il bimbo è allattato (sia al seno che al biberon), non ha proprio bisogno di bere. A quanti mesi si dà l’acqua ai neonati? Andiamo con ordine.
     

    Per l’organismo umano, l’acqua è assolutamente essenziale. Tra le molte funzioni, Permette la termoregolazione, assicura la corretta densità del sangue, stimola il transito intestinale, e consente ai reni di svolgere correttamente la loro funzione di filtro per le sostanze di scarto. Inoltre, è fonte di minerali indispensabili, come il magnesio e il potassio. Come assicurare, quindi, la giusta idratazione di un bambino?

    Quanta acqua devono bere i bambini


    Ecco le linee guida raccomandate dalla Società Italiana di Nutrizione Umana, ma fai attenzione: le quantità includono anche l’acqua contenuta direttamente negli alimenti. Occorre quindi tener presente se la dieta prevede l’assunzione di tanta frutta e verdura o se è prevalentemente composta di cibi secchi. In ogni caso, ecco l’apporto giornaliero di acqua da offrire al piccolo:
     

    • fino ai 6 mesi, come già detto, basta il latte, materno o artificiale: esso infatti è composto per circa il 90% da acqua
    • da 6 mesi a 1 anno il bimbo deve assumere 800 ml di acqua al giorno
    • da 1 a 3 anni: 1200 ml
    • da 4 a 6 anni: 1600 ml
       

    Ovviamente, quelle appena indicate sono quantità di massima: ci sono molti altri fattori che incidono sul fabbisogno idrico del bimbo. La stagione, prima di tutto: in un’estate torrida e secca avrà sicuramente bisogno di bere di più che in un autunno fresco e piovoso. Ad incidere sono anche le caratteristiche individuali e le attività del bambino: è sempre in movimento? Fa tanto sport? Suda molto? Dovrà bere adeguatamente. Tieni presente che i bambini, rispetto agli adulti, perdono più liquidi con la traspirazione e hanno una minore percezione della sete. 

    Come dare l’acqua ai bambini?


    A partire dallo svezzamento, quindi, il neonato deve abituarsi ad assumere l’acqua. Inizialmente puoi offrirgliela con un biberon: se fino a questo momento hai seguito uno schema di allattamento misto, sarà già perfettamente abituato a questo strumento, se invece è stato allattato esclusivamente al seno può darsi che mostri delle resistenze: gradualità e pazienza sono le parole d’ordine in questo caso.
     

    Dall’anno in poi puoi passare dal biberon alla tazza antigoccia, con la quale cominciare ad allenarlo in vista di quando gli insegnerai a bere dal bicchiere.

    Scegli i prodotti giusti


    La corretta idratazione del tuo bimbo è assolutamente fondamentale, come abbiamo visto. Per favorirla, devi scegliere gli strumenti più adatti e sicuri. All’interno della gamma di prodotti Philips Avent trovi tanti biberon di alta qualità, con tettarelle morbide e anatomiche, progettati per un uso e un lavaggio estremamente semplici. Per lo step successivo, invece, hai a tua disposizione anche tante tazze antigoccia, rigorosamente senza BPA e sostanze tossiche, facili da impugnare e con design accattivanti, per dissetare il tuo bambino in tutta sicurezza e in allegria!