1
0

Carrello

Al momento non ci sono articoli nel carrello.

    • Puoi restituire il prodotto entro 21 giorni

    • Spedizione gratuita sopra i €35

    • 2 anni di garanzia

    A forma di mamma

    Consigli e rimedi naturali per difendere i bambini dalle zanzare

    Con l’estate alle porte, care mamme, si riapre la caccia alle zanzare e si ripresenta puntualmente il problema di prevenire e curare le punture sui bimbi.

     

    Poche cose sono più fastidiose del prurito e degli arrossamenti che provocano, tanto più se colpiscono la pelle delicata dei più piccoli. Mettiamoci l’animo in pace: le zanzare tornano ogni anno e i bambini tendono ad essere facili prede e bersagli privilegiati rispetto agli adulti.


    Per fortuna Madre Natura è nostra alleata e come ci impone questo fastidio, così ci mette a disposizione ottimi rimedi naturali e adatti alla cute dei nostri bimbi.

    Bambino piccolo

    Barriere fisiche

     

    Quando si tratta di neonati entro i 3 mesi di vita, le barriere fisiche sono le uniche soluzioni che si possono adottare. Il modo più semplice per proteggerli dagli insetti è infatti quello di attivare uno scudo protettivo, come suggeriscono i medici del reparto pediatrico dell’Ospedale Buzzi di Milano. L’equipe ha messo a disposizione sul proprio sito un decalogo da seguire per ridurre al minimo il rischio di essere punti. Ecco alcuni accorgimenti:

     

    • evitare indumenti molto colorati e brillanti;
    • indossare vestiti con maniche lunghe, pantaloni lunghi, calzini e scarpe chiuse, soprattutto se si effettuano passeggiate in campagna o comunque dove l’erba è alta;
    • evitare profumi o lozioni forti;

     

    usare cautela quando si cucina o mangia all’aperto, specie nei mesi estivi ed in aperta campagna.

     

    Barriere naturali

     

    Dalla Natura la difesa più efficace contro le zanzare arriva dalle piante, Coriandolo (Coriandrum sativum), Ruta d’Aleppo (Ruta chalepensis) e Hyptis suaveolens, sono le tre piante originarie del Nord Africa, i cui oli essenziali hanno ottime proprietà repellenti (Fonte: Studio pubblicato su Parasitology Research nel 2013 condotto dal Dipartimento di Scienze Agrarie   Università di Pisa, condotto dalla ricercatrice Barbara Conti) .
    Resterete sorprese di scoprire come la maggior parte di queste barriere sia davvero economica e a portata di mano. Il Loto (Fonte: Ricerca pubblicata sull’Asian Pacific Journal of Tropical Medicine), per esempio, funziona da repellente naturale anti-zanzare e previene la loro diffusione. È dunque utilizzabile negli stagni di luoghi pubblici e abitazioni, trattandosi di un fiore acquatico.

     

    I rimedi naturali afterbite (post puntura)

     

    Se e quando zanzariere, repellenti, abiti chiari o dispositivi ad ultrasuoni non bastano, non resta che affidarsi a prodotti afterbite (post puntura), sempre rispettosi della pelle dei più piccoli. Una volta morsi, i bimbi andranno curati per alleviare il prurito ed eventuali infiammazioni causate dalla puntura. Fortunatamente, molte erbe e altri agenti naturali hanno una funzione calmante e lenitiva per la pelle dei piccoli e molti di questi prodotti hanno anche proprietà anti-infiammatorie. Come spesso accade, i rimedi naturali sono i più efficaci e sorprendenti, quindi, per le punture di zanzara occasionali, è possibile provare una delle seguenti opzioni raccomandate dalla Società Italiana di Infettivologia Pediatrica (Sitip) :

     

    • per i più piccoli, fino ai due mesi, non fare niente (affidatevi alle zanzariere e agli indumenti coprenti);
    • per i bimbi dai due ai sei mesi si possono utilizzare gli oli essenziali e l’aloe vera
    • fra i sei mesi e i due anni si possono scegliere prodotti che contengano concentrazioni di DEET (N,N-Dietil-3-metilbenzamida ) non superiori al 10 per cento, applicandoli non più di una volta al giorno.

     

    Da evitare comunque l’ammoniaca che può bruciare la pelle e il succo di limone che la rende più fragile ai raggi solari. La Società Italiana di Infettivologia Pediatrica consiglia la crioterapia, infatti un bell’impacco di ghiaccio riduce il ponfo e toglie rapidamente il prurito scongiurando l’infezione da grattamento.

     

    Oli essenziali

     

    Esistono molti oli ed estratti in Natura che servono a dare sollievo alle punture di insetti. Bisogna solo ricordarsi che, essendo gli oli essenziali sostanze molto concentrate, è bene sempre diluirle in oli vegetali come quello di mandorla, germe di grano o calendula, in una percentuale massima del 5-7% sui bimbi o aggiungerle in una crema base idratante per bambini.

     

    • L’International Journal of Pharmaceutical, Chemical and Biological Sciences suggerisce l’utilizzo di alcuni oli essenziali che, diluiti, donano sollievo alla pelle:
      tea tree, rosmarino, neem, lavanda, amamelide, geranio, eucalipto, olio di cedro.
      Ne bastano poche gocce, 6-8 diluite in 30ml di aceto di mele biologico sono sufficienti .
    • Olio di soia biologico: è un repellente molto efficace. E’ poco costoso, facile da trovare e funziona anche come idratante.
    • Olio di Erba Gatta: l’olio estratto dall’erba gatta è un repellente dieci volte più efficace dei prodotti in commercio a base di DEET (dietiltoluamide) (Fonte: Studio condotto dai ricercatori della Iowa State University  di Ames, USA )

     

    Zanzare: giù le zampe dai bambini!

     

    Ricordate, l’alba e il tramonto sono per gli insetti l’ora delle streghe. Se non volete rinunciare ad un aperitivo o ad una allegra serata all’aperto con i vostri bambini nelle ore fatidiche, è sempre meglio adottare precauzioni prima di uscire, usando per esempio una zanzariera sul passeggino e/o carrozzina a schermo totale.