1
0

Carrello

Al momento non ci sono articoli nel carrello.

    • Puoi restituire il prodotto entro 21 giorni

    • Spedizione gratuita sopra i €35

    • 2 anni di garanzia

    A forma di mamma

    Come superare la gelosia quando arriva il fratellino (prima parte)

    Siamo oneste. L’arrivo di un fratellino o di una sorellina è uno dei primi grandi traumi che il vostro bebè dovrà affrontare. Non facciamone un dramma, certo, ma neanche sottovalutiamo la portata dell’evento per il primogenito e l’impatto che potrebbe avere sulla sua vita futura, se non si prendono alcune precauzioni per tempo, fintanto che la gelosia è in atto. E’ naturale per il figlio maggiore sentirsi geloso. Dopo tutto, improvvisamente si trova “costretto”a condividere tutto, compresa la sua mamma e il suo papà, ma soprattutto la prima, con un nuovo elemento, per altro molto simile e inaspettato.
    Bimbo piccolo che bacia il fratellino neonato

    Quali sono le cause che scatenano la gelosia?

     

    Può essere difficile per un figlioletto accogliere un nuovo arrivato, che all’improvviso catalizza l’attenzione totale dei suoi genitori, che fino al giorno prima si interessavano solo a lui. Sarà difficile per il nostro piccolo guerriero fare spazio al nuovo “collega” e lasciarlo entrare nel suo territorio. La gelosia potrà facilmente manifestarsi con litigi, insulti, prese in giro, spinte e occasionalmente calci e botte al povero e ignaro nuovo fratellino o sorellina.

    Lo scopo del vostro primogenito è quello di ottenere quella attenzione dei genitori che sentono di non avere più. Eh si, care mamme, il paradiso è perduto. E l’attenzione incondizionata e unica dei genitori viene improvvisamente a mancare, poiché ora sono impegnati con qualcun altro. A ben pensare, tutta questa situazione non dev’essere facile da metabolizzare per un bambino piccolo, che ancora, poverino, non ha tutti gli strumenti necessari per ragionare e fronteggiare i cambiamenti, come potrebbe invece fare un adulto. D’altronde è completamente normale e molto comune che ciò accada. I genitori devono semplicemente abituarsi al fatto che i bambini siano gelosi quando arriva un fratellino.

     

    Come il vostro bambino può esprimere la gelosia

     

    I litigi tra fratelli

     

    Ognuno ha i suoi modi di manifestare la gelosia. Di solito più litigano nei loro primi anni e più spesso accade che siano uniti crescendo. La competitività tra fratelli è forse una buona preparazione per quando faranno il loro ingresso nel mondo.

     

    La regressione

     

    A volte il piccolo primogenito non capisce i suoi sentimenti di gelosia, o come gestire quel neonato fastidioso. Sa solo che vorrebbe l’attenzione incondizionata della mamma, e per farlo è disposto a tutto, o quasi. Ad esempio può reagire regredendo:

     

    • Può chiedere il biberon, anche se ormai è da un bel po’ che non lo usa più.
    • Può rifiutarsi di camminare per essere trasportato sul passeggino.
    • Può smettere di usare il suo vasino e preferisce tornare a farsi la pipì addosso.
    • Tenta di sedersi al posto di sua sorella/o fratello.
    • Salta sul divano quando la mamma è impegnata ad allattare al seno.
    • Può anche pizzicare o fare del male fisico al suo nuovo fratellino.

     

    Questi sono tutti modi per rubare l’attenzione della mamma al fratellino appena arrivato. Meglio una mamma arrabbiata che distratta o assente. Insomma, il nostro piccolo fa i suoi conti e mette sul piatto della bilancia i pro e i contro delle sue azioni e decide che il cattivo umore della mamma è meglio che essere ignorato.

     

    Come prevenire la gelosia tra fratelli

     

    Non ci sono misure standard o procedure fisse che potete utilizzare per aiutare a preparare il vostro bambino al nuovo arrivo. Raccontandogli la nascita che si avvicina, spiegandogli che c’è un fratellino in arrivo dicendo cose come: “il bambino è piccolo come un semino nella mia pancia, come eri tu una volta”. Tuttavia, potrebbe anche in questo caso non accettare l’idea poco allettante e semplicemente negarla. Potreste leggere storie sull’arrivo di un nuovo bebè, man mano che la pancia inizia ad essere più visibile, la gravidanza potrebbe a questo punto avere più senso per lui. Potrete anche fargli sentire il movimento dei calci che il bebè tira nel pancione e trasformare il tutto in un gioco. Incoraggiatelo a parlare con la pancia. Spiegate cosa accadrà una volta che andrete all’ospedale per partorire. Un paio di settimane prima della data di scadenza, spiegate chiaramente e semplicemente che state andando all’ospedale, o che sarete a casa se partorirete a casa.

     

    Anche se probabilmente starete via solo per uno o due giorni, il vostro bambino potrebbe restare sconvolto dall’assenza della sua adorata mamma. Se un parente, un amico o una babysitter resterà con lui, organizzate il tutto una settimana o due prima del grande evento. Potrete così programmare una visita in ospedale per il vostro piccolo, che si sentirà quindi parte essenziale della vostra grande famiglia fin dall’inizio. Un’usanza francese anti-gelosia è quella di portarsi in ospedale una foto del figlio maggiore da posizionare sul comodino, in modo che quando verrà a visitare il nuovo arrivato si senta coinvolto nell’evento. Cercate di spiegare in modo semplice che cosa succederà una volta che il bambino sarà nato, come ad esempio: “Quando arriverà il bambino, sarà il papà a portarti all’asilo per un po’ di tempo”.  Avere un altro figlio non cambierà quello che provi per il primogenito, ma non sarà facile da spiegare. Rassicurate dunque il bambino grande regolarmente, dicendogli che è l’unico piccolo e grande amore della vostra vita, il migliore del mondo. Ditegli quanto lo amate senza stancarvi mai e continuate a dirlo anche dopo che sarà nato il fratellino.

     

    Coinvolgete il piccolo nei preparativi. Chiedetegli di aiutarvi a prendere decisioni semplici, ad esempio se è meglio un pigiamino azzurro o bianco.
    Potrete cambiare la postazione del vostro primogenito prima del parto in modo che possa abituarsi prima dell’arrivo del fratellino ad una nuova eventuale sistemazione. Apportare modifiche un paio di settimane prima che arrivi il bebè, potrebbe rivelarsi una mossa molto saggia. Potrete spostarlo in una camera diversa, o dal suo lettino a un letto più grande per dargli il tempo sufficiente di abituarsi al nuovo letto ‘da grande’ e considerare il suo vecchio lettino solo un vecchio lettino per bebè.
    Scattate foto dei due fratellini insieme, così che si renderà conto che questo è un momento speciale. Potreste fargli un piccolo regalo come omaggio dal nuovo arrivato al suo fratello più grande. E’ un’idea che funziona sempre!

     

    Coinvolgere il bambino più grande nella cura del fratellino

     

    Se il vostro bambino non vuole saperne di avere a che fare con il nuovo componente della famiglia, non forzarlo è la cosa migliore da fare; col tempo magari cambierà idea, ma insistendo nel coinvolgimento prima che sia pronto, si potrebbe addirittura causare più risentimento. Potreste invece chiedere a lui dei suggerimenti per come intrattenere il bebè nella vita di tutti i giorni, creando una sorta di complicità.
    Anziché rimproverarlo, provate a riconoscere i suoi sentimenti positivi a parole. Potreste dirgli: “la tua sorellina piange un sacco e ruba tempo alla mamma che non può stare con te? A volte scommetto che vorresti che potesse mangiare da sola!” Questo può aiutarlo a capire che siete consapevoli del suo punto di vista. Il vostro bambino sarà probabilmente affascinato in certi momenti dal nuovo fratellino, per come canta, si muove o fa facce buffe. Ecco bisognerebbe proprio sottolineare i momenti di interazione tra fratelli!

     

    E se volete conoscere 6 consigli per ridurre la gelosia nei fratelli maggiori, continuate a seguirci …prossimamente qui sul blog Aformadimamma