• Puoi restituire il prodotto entro 45 giorni

  • Spedizione gratuita

  • 2 anni di garanzia

1
0

Carrello

Al momento non ci sono articoli nel carrello.

    Terapia delle apnee notturne

    header

    Non perdere buone giornate per cattive nottate


    Scopri subito se hai sintomi di apnee notturne

    Vie respiratorie ostruite
    Vie respiratorie ostruite

    Cosa sono le apnee notturne

     

    Le apnee notturne rappresentano un disturbo frequente del sonno e sono caratterizzate dalla ripetuta interruzione della respirazione nel corso del ciclo del sonno. Tali interruzioni, denominate apnee, sono prodotte dal collasso dei tessuti molli nelle vie aeree, che impedisce all'ossigeno di raggiungere i polmoni.

     

    Le apnee notturne interferiscono con il ciclo del sonno e hanno un effetto determinante sull'energia, le prestazioni mentali e, alla lunga, sulla salute. È importante non ignorare i sintomi potenzialmente pericolosi, quali il russamento e l'eccessiva sonnolenza diurna e consultare uno specialista. Il trattamento può aiutarti a ritrovare il riposo di cui hai bisogno per essere di nuovo te stesso.

     

    In Italia soffre di Apnee Ostruttive del Sonno (OSA) il 10% della popolazione adulta e tra l'1% e il 6% della popolazione pediatrica. Attualmente solo 200.000 pazienti sono sottoposti al trattamento Cpap, A-Cpap, Mad (il 40% in regime privato ed il restante 60% tramite SSN) rispetto ai 6 Milioni non diagnosticati nelle forme lievi, moderate e gravi.

     

    Fonte: Associazione Apnoici Italiani Onlus

    Sintomi e rischi delle apnee notturne

    Le apnee notturne non trattate sono associate a numerosi rischi per la salute pertanto, in presenza dei segni e dei sintomi indicati, è importante consultare uno specialista del sonno.

    Abitudini notturne

    Sintomi notturni
     

    • Russamento forte e persistente
    • Interruzioni della respirazione documentate da altre persone
    • Soffocamento o respiro affannoso durante il sonno
    • Sonno irrequieto
    • Visite frequenti al bagno
    Diurno

    Sintomi diurni
     

    • Mal di testa mattutini
    • Eccessivo affaticamento
    • Scarsa concentrazione
    • Depressione o irritabilità
    • Sonnolenza durante le attività di routine

    Quali sono i rischi in caso di apnee notturne non trattate?


    Le apnee notturne non trattate possono comportare gravi rischi per la salute, a breve e lungo termine, tra cui:

    • Ipertensione arteriosa;
    • Aritmie cardiache;
    • Malattie cardiache/attacco cardiaco;
    • Ictus;
    • Diabete di tipo 2;
    • Incidenti di guida e sul lavoro.


    Come può essere diagnosticata l'apnea notturna? Scopri questi semplici passi per scoprirlo.

     

    Se hai il sospetto di soffrire di apnea notturna dovresti fissare un appuntamento con il tuo medico di famiglia, che sarà in grado di consigliarti e indirizzarti da uno specialista del sonno per sottoporti eventualmente a un esame più approfondito, come la polisonnografia. Ecco cosa puoi fare per prepararti all’appuntamento con il tuo medico.

    Numero uno
    Take the sleep test
    Rispondi al questionario sui sintomi per determinare se hai sintomi di apnee notturne. È composto da 9 domande e richiede solo pochi minuti. Puoi chiedere a un membro della tua famiglia di annotare delle osservazioni mentre dormi o fare una breve registrazione di te che dormi o russi. Stampa i risultati per portarli dal medico.
    Numero due
    Parla dei risultati del test sul rischio di apnee notturne con il tuo medico di famiglia: potrà aiutarti a programmare uno studio del sonno.
    Numero tre
    Se il tuo medico sospetta che tu possa soffrire di apnee notturne, ti prescriverà una visita presso un centro del sonno, dove lo specialista valuterà il percorso diagnostico che dovrai seguire. Lo screening o l'esame diagnostico (poligrafia/polisonnografia) potrà essere effettuato nel centro di medicina del sonno o comodamente casa tua utilizzando il kit che ti verrà fornito.
    Numero quattro
    Se la diagnosi di apnea del sonno viene confermata, il tuo specialista del sonno ti prescriverà un percorso di cura da seguire. Ad oggi il trattamento più utilizzato comporta l’uso di un dispositivo CPAP che, attraverso una maschera, eroga aria a pressione costante per mantenere pervie le vie respiratorie durante il sonno.

    Che cos'è l'indice di apnea-ipopnea (AHI)?


    Gli studi sul sonno sono semplici e non invasivi e il trattamento risultante può fare la differenza. Uno studio sul sonno si esegue durante la notte in un laboratorio o a casa propria, in base alla propria anamnesi, all'assicurazione e alla valutazione del tuo medico.
    Video introduttivo sugli studi del sonno

    Diagnosi: esperienze personali

    Ascolta le persone che hanno affrontato le sfide insite nella diagnosi. Guarda


    L'indice di apnea-ipopnea (AHI) è il valore numerico che si misura durante l'esame per valutare le apnee del sonno. Misura il numero delle apnee (quando la respirazione si interrompe per almeno 10 secondi per ora di sonno) o delle ipopnee (quando la respirazione si interrompe parzialmente per breve tempo) che si verificano durante la notte. Leggi un esempio di test del sonno che indica l'AHI e altre misurazioni utilizzate durante uno studio sul sonno.

    Iscriviti alla nostra Newsletter

    * Questo campo è obbligatorio

    Ottieni il 10% di sconto sul prossimo acquisto effettuato sul Philips Online Store

    Ultime novità sui prodotti

    Promozioni esclusive

    *

    *
    Philips rispetta la tua privacy. Per ulteriori informazioni, ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy

    Informazioni e assistenza:


    Esplora il nostro blog; troverai idee e informazioni sulle apnee notturne, in modo da gestire facilmente questa condizione e vivere la vita che desideri.

    Domande frequenti

    Cosa sono le apnee ostruttive notturne?
    Le apnee ostruttive notturne sono una condizione in cui si smette di respirare ripetutamente nel corso della notte. La respirazione si arresta perché la gola ovvero "le vie aeree" collassano impedendo l'ingresso dell'aria nei polmoni. I ritmi del sonno sono disturbati, con conseguente sonnolenza o affaticamento eccessivo durante il giorno.
    Quante persone soffrono di apnee notturne?
    E’ stata  stimata una prevalenza di 12.329.614 pazienti con OSA(S) moderata-grave in Italia (27% della popolazione adulta), di cui il 65% maschi,e una prevalenza complessiva di oltre 24 milioni di persone di età compresa tra 15 e 74 anni (54% della popolazione adulta).
    Cosa provoca la chiusura delle vie respiratorie durante il sonno?

    - Tessuto in eccedenza nella parte posteriore delle vie respiratorie, ad esempio tonsille di grandi dimensioni

    - Riduzione del tono dei muscoli che mantengono le vie respiratorie aperte

    - Lingua che cade all'indietro e chiude le vie respiratorie

    Che cosa fare se pensi di soffrire di apnee notturne?
    È consigliabile richiedere una valutazione a un medico specializzato in disturbi del sonno ed eseguire esami specifici. Questi possono fornire al tuo medico informazioni sul tuo modo di dormire e respirare che lo aiuteranno a individuare la diagnosi e le opzioni di trattamento.
    Quali sono i rischi in caso di apnee notturne non trattate?

    Le apnee notturne non trattate possono comportare gravi rischi per la salute, a breve e lungo termine, tra cui:

    - ipertensione arteriosa;

    - aritmie cardiache;

    - malattie cardiache/attacco cardiaco;

    - ictus;

    - diabete di tipo 2;

    - incidenti di guida e sul lavoro.

    Qual è il trattamento per le apnee notturne?

     

    In genere, il trattamento elettivo consiste nella terapia con pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP). Non è invasiva e, se usata come prescritto, può contribuire ad alleviare i sintomi. Più raramente, viene impiegata la chirurgia o apparecchi orali con efficacia limitata ad alcuni casi. Qualsiasi piano di trattamento deve prevedere la perdita di peso, ove necessaria, l'esercizio fisico e la rinuncia ad alcool, sedativi e ipnotici.

    Come funziona la terapia PAP o CPAP?

    Nella terapia CPAP (Continuous Positive Airway Pressure, Pressione respiratoria positiva continua) un flusso delicato di aria a pressione positiva viene erogato mediante una maschera facciale per mantenere le vie aeree aperte durante il sonno. Di conseguenza:

    - La respirazione durante il sonno diventa regolare

    - Il russare si arresta

    - Il sonno torna ad essere ristoratore

    - La qualità della vita migliora

    - Il rischio di ipertensione, malattie cardiache, infarto, ictus e incidenti automobilistici e sul lavoro viene ridotto

    Quali sono i sintomi notturni delle apnee notturne?

    - Russamento forte e disturbante

    - Interruzioni della respirazione documentate da altre persone

    - Soffocamento o respiri faticosi durante il sonno

    - Sonno irrequieto

    - Visite frequenti al bagno

    Quali sono i sintomi diurni delle apnee notturne?

    - Mal di testa al mattino presto

    - Eccessivo affaticamento nel corso della giornata

    - Scarsa concentrazione

    - Depressione o irritabilità

    - Assopimento durante le attività di routine

    Che cosa può aumentare il rischio di apnee notturne?

    - Sovrappeso/obesità

    - Collo o lingua di grandi dimensioni

    - Vie respiratorie ridotte o con eccesso di tessuto

    Come si presenta un episodio di apnea?
    Quali sono i vantaggi di un uso regolare della terapia CPAP?

    La maggior parte dei pazienti che seguono il trattamento CPAP gode di:

    - maggiore energia e capacità di attenzione;

    - riduzione dei mal di testa mattutini;

    - minore irritabilità;

    - miglioramento della memoria;

    - maggiore capacità di esercizio fisico;

    - pressione sanguigna minore;

    - rischio ridotto di ictus e attacchi cardiaci;

    - maggiore efficienza a casa e sul lavoro;

    - miglioramento della qualità della vita in generale.

    Riferimenti

    1. Young T, et al. Epidemiology of obstructive sleep apnea: a population health perspective. AJRCCM 2002;165:1217-1239.

     

    Queste indicazioni hanno esclusivamente scopo informativo e non possono in alcun modo sostituire un parere medico.