1
0

Carrello

Al momento non ci sono articoli nel carrello.

    • Puoi restituire il prodotto entro 21 giorni

    • Spedizione gratuita sopra i €35

    • 2 anni di garanzia

    A forma di mamma

    Quando dare il ciuccio e come abituare il neonato?


    Qual è il momento giusto per dare il ciuccio al tuo bambino? Una domanda che spesso genera un po’ di confusione, complice una ricca lista di teorie, opinioni e convinzioni più o meno fondate.
     

    Cerchiamo quindi di fare chiarezza sul tema del ciuccio ai neonati affidandoci a ciò che ci dicono gli esperti e ai loro consigli, per aiutarti a fare le scelte migliori per il tuo bambino.

    Da che mese si può dare il ciuccio al neonato?


    Le cose da sapere sul ciuccio sono tante, ma la prima è che si tratta di uno strumento importantissimo per la sua crescita, non solo per la nota funzione consolatoria: le ricerche[1] hanno dimostrato che i bambini praticano istintivamente la suzione già nella pancia della mamma!

     

    Quando nascono però, in caso di allattamento al seno è consigliabile dare il ciuccio dopo almeno 15 giorni di vita, meglio ancora dopo il primo mese, per non disorientare il bambino ed evitare che si attacchi al seno con più difficoltà: passato questo periodo, l’utilizzo del ciuccio non compromette in alcun modo l’allattamento, quindi puoi stare tranquilla e avvalerti di questo irrinunciabile alleato senza preoccupazioni!

    Quale ciuccio dare al bambino in base alle fasi della crescita


    Il ciuccio accompagnerà il tuo bambino per circa i primi due anni di vita, seguendone la crescita e cambiando insieme a lui, quindi è importante sapere quale ciuccio scegliere mese per mese.

     

    Il suo primo ciuccio sarà naturalmente più morbido e leggero, realizzato in silicone, mentre con i primi dentini potrai dargli un ciuccio più duro e resistente ai morsi, per favorire lo sviluppo sano del suo cavo orale e placare il dolore della dentizione.
     

    L’American Accademy of Pediatrics inoltre consiglia l’utilizzo del succhietto durante il sonno sia notturno che diurno per tutto il primo anno di vita, perché riduce il rischio di SIDS: in questo caso un ciuccio con tettarella anatomica e magari progettato per massimizzare il flusso d’aria è perfetto per mantenere la sua pelle asciutta fino al risveglio.

    È pronto per il ciuccio? Ecco come abituarlo


    Abituarlo al ciucciò ti potrà sembrare un’impresa difficile, ma se crei la situazione giusta e lo fai con dolcezza lo trasformerai in un grande amico per il tuo bambino!

     

    Il modo migliore per proporgli il ciuccio è approfittare di un momento tranquillo e sereno, come quello della nanna, complice la sua stanchezza e il suo istinto di succhiare per conciliare il sonno.

     

    L’importante però è non reinserire il ciuccio in bocca una volta che il bambino si è addormentato!
     

    Se dovesse rifiutarlo, non insistere e non preoccuparti, ogni bambino ha i suoi tempi e le sue preferenze: non cedere alla tentazione di intingere il ciuccio in qualcosa di dolce per renderlo più piacevole, rischierai di compromettere la sua salute e aumenterai il rischio di carie.

    Il prodotto giusto per ogni fase


    Come abbiamo visto, ogni tappa del percorso di crescita del tuo bambino richiede attenzioni e prodotti specifici.

     

    Philips Avent ti propone una gamma completa di ciucci adatti ad ogni fase di questa avventura: il ciuccio Mini, pensato per le bocche dei neonati, il ciuccio Classic per il massimo comfort giorno e notte e il ciuccio morbido Ultra Air, che massimizza il flusso d’aria e lascia respirare anche la pelle più sensibile.
     

    Per stabilire un legame ancora più profondo con il tuo bambino fin dalle prime settimane c’è anche il succhietto Soothie, realizzato in silicone medico e formato da un pezzo singolo: grazie al suo design innovativo con un foro nella tettarella per inserire il dito, favorisce il rapporto naturale mamma-bimbo ed è perfetto per iniziare questo splendido viaggio insieme!