News center | Italia

mar 16, 2020

Modelli di maturità: guida per i CIO a una strategia di Enterprise Imaging di successo per le strutture sanitarie

Tempo di lettura stimato: 6-8 minuti

L'Enterprise Imaging continua a evolversi per offrire un numero sempre più elevato di funzionalità man mano che i dipartimenti di diagnostica per immagini si impegnano a fornire l'imaging medicale in modo sicuro, con gli strumenti giusti, al momento giusto, per il paziente giusto. Anche se questi progressi nell'imaging offrono molte più opportunità, anche l'operatività sta diventando sempre più complessa, con processi ancora più disparati che devono essere mantenuti, supportati e standardizzati nell'intero ambiente della struttura sanitaria.

 

Molti di questi processi inefficienti possono essere evitati migliorando i flussi di lavoro o sfruttando la tecnologia, anche se questo può sembrare più semplice a dirsi che a farsi. Un approccio che sta aiutando i direttori sanitari e i responsabili di reparto a far avanzare le proprie organizzazioni grazie alla tecnologia è l'utilizzo di modelli di adozione e maturità, progettati per aiutare le organizzazioni a misurare e potenziare progressivamente le capacità di analisi per migliorare l'erogazione dell'assistenza sanitaria. In modo più specifico, il Digital Imaging Adoption Model (DIAM) fornisce indicazioni agli esperti di imaging e IT per identificare e adottare la corretta strategia digitale al fine di migliorare i risultati sanitari per i pazienti.  

 

Lanciato nel 2016 per la radiologia, il modello DIAM originale valutava le funzionalità IT correlate all'imaging radiologico. Il DIAM per l'Enterprise Imaging è stato introdotto all'inizio dello scorso anno, aggiornato per valutare la maturità di tutti i processi supportati dall'IT e supportare più servizi di imaging nell'intera struttura sanitaria, per guidare le organizzazioni sanitarie verso un ambiente IT di imaging completamente digitalizzato. Il modello DIAM offre un quadro di riferimento per supportare il piano strategico esistente dell'organizzazione, identificando i punti di forza e i punti deboli dei suoi strumenti e processi e determinando l'approccio generale per aiutarla a raggiungere i suoi obiettivi. Identifica sette fasi di sviluppo, dalla gestione limitata di immagini elettroniche a sofisticate soluzioni di imaging distribuite a livello dell'intera struttura sanitaria. Il DIAM fornisce inoltre un linguaggio comune che i responsabili del settore dell'assistenza sanitaria possono utilizzare con i fornitori per chiarire le loro esigenze e aspettative e offre agli utenti un modo efficace per riconoscere le lacune nei propri sistemi e nella propria strategia generale.

L'importanza dei modelli di maturità – Cosa devono sapere i CIO

Mentre lavora per soddisfare il "quadruplo obiettivo" di migliorare gli esiti in ambito sanitario, migliorare l'esperienza del paziente e dello staff e ridurre il costo dell'assistenza sanitaria, è importante che il management dell'ospedale, e in particolare il CIO, abbia un quadro chiaro della maturità informatica attuale di tutti i sistemi e sia in grado di allineare le priorità di investimento a una serie di obiettivi ben definiti. Sebbene possa sembrare scontato, ottenere un quadro chiaro può essere complesso.

 

Modelli come il DIAM forniscono ai CIO una roadmap strategica, sia che si tratti di iniziare un percorso di Enterprise Imaging o di apportare ulteriori miglioramenti. Consentono loro di comprendere meglio come migliorare le proprie attuali capacità di imaging e sviluppare ulteriormente una strategia di imaging digitale a livello dell'organizzazione. Utilizzando questi modelli, le strutture sanitarie non solo possono ridurre i rischi, ma anche limitare i costi e adottare un approccio più efficiente agli investimenti.

 

Tuttavia, per identificare le funzionalità tecnologiche appropriate per la strategia aziendale dell'organizzazione, i CIO devono essere in grado di valutare la posizione attuale della loro organizzazione. Le domande che devono porsi e rivolgere alle principali figure coinvolte, loro colleghi, includono: Cosa dobbiamo fare per raggiungere i nostri obiettivi? Cosa stiamo facendo bene? Siamo attrezzati per apportare questi cambiamenti? Il DIAM consente ai CIO di vedere esattamente la situazione della propria organizzazione, delineare gli obiettivi e quindi disegnare un percorso per raggiungere tali obiettivi. Consente inoltre alle principali figure coinvolte di discutere in modo efficace gli obiettivi e l'approccio per raggiungerli, trovare i partner più appropriati e identificare gli investimenti corretti.

 

Iniziando dal benchmark rappresentato dalla posizione dell'organizzazione all'interno delle fasi del DIAM, i CIO avranno una comprensione molto più approfondita dello stato attuale delle operazioni e potranno iniziare a identificare le aree di opportunità in termini di crescita ed efficienza. Ad esempio, a un paziente possono essere associate più scansioni diverse e dati multidimensionali dopo vari consulti specialistici, tra cui neurologia e cardiologia. Se l'organizzazione è in grado di comprendere che l'attuale processo di visualizzazione delle informazioni dei pazienti nelle varie specialità è inefficiente e non connesso, può avviare il processo di identificazione di una soluzione che combini immagini di alta qualità, strumenti avanzati di analisi ed efficienza del flusso di lavoro per ottenere una visione unificata delle condizioni del paziente.

Adottare modelli di maturità per ottenere diagnosi precise

La rivoluzione informatica ha aiutato a collocare i pazienti nella posizione giusta, vale a dire al centro del sistema sanitario. I sistemi sanitari vedono sempre più spesso il passaggio da sistemi di record (un file statico di informazioni sul paziente) a sistemi di coinvolgimento, in cui il paziente e tutto il personale con cui interagisce sono supportati per svolgere un ruolo più importante nella gestione dell'esperienza di cura e assistenza.

 

Il DIAM, e i modelli di maturità in generale, possono continuare a supportare questa transizione aiutando le organizzazioni a stabilire dei benchmark. Le strutture sanitarie che utilizzano i modelli di maturità hanno una visione approfondita della situazione attuale della loro organizzazione e stabiliscono una linea di base chiara per le prestazioni della struttura sanitaria. Da qui, le organizzazioni possono stabilire obiettivi e benchmark oggettivi strutturati in modo da raggiungere obiettivi di diagnosi con maggiore precisione. In questo modo, le organizzazioni saranno in grado di creare collegamenti tra gli investimenti e il ROI e di identificare meglio i progressi verso i KPI stabiliti. 

 

Il processo di miglioramento della diagnosi e del trattamento dipende fortemente dalla tecnologia che supporta i team clinici. Con l'Enterprise Imaging in modo specifico, l'accesso a strumenti di visualizzazione avanzati nello stesso spazio di lavoro in cui vengono esaminate le immagini può consentire al team di comprendere meglio diagnosi e opzioni di trattamento durante tutto l'iter terapeutico del paziente. Investendo in soluzioni combinate, le organizzazioni possono combinare immagini provenienti da più modalità di imaging con altre informazioni critiche, in un ambiente incentrato sul paziente, per facilitare una diagnosi più efficiente e sicura.

Raggiungere gli obiettivi dell'organizzazione con i modelli di maturità

Utilizzando modelli di maturità come il DIAM, i sistemi sanitari possono sviluppare ulteriormente la strategia di imaging a livello dell'intera organizzazione e fare un passo avanti verso la formulazione di diagnosi di precisione. Grazie a una struttura che guida i sistemi sanitari a pensare in modo trasversale per fornire una strada più efficiente verso gli investimenti appropriati nell'ordine corretto, il modello DIAM supporta lo sforzo delle strutture sanitarie per diventare ambienti IT di imaging interamente digitalizzato, ottimizzando l'efficienza e l'efficacia nell'intera struttura sanitaria.

 

Scopri la Care Collaboration Experience unica di Philips sul sito Web Philips Virtual HIMSS all'indirizzo www.philips.com/HIMSS e segui @PhilipsLiveFrom per gli aggiornamenti su VirtualHIMSS20. 

Condividi su social

Argomenti

Autore

Calum Cunningham

Calum Cunningham

General Manager Enterprise Diagnostic Informatics

Calum Cunningham is General Manager, Enterprise Diagnostic Informatics (EDI) at Philips. EDI includes the vertical Radiology Informatics, Cardiology Informatics, Advanced Visualization/AI Solutions, Interoperability Solutions and Performance Analytics Solutions business categories. 

 

Calum joined Philips in 2015 as the Business Leader for Philips Radiology Informatics. Prior to joining Philips, Calum held leadership roles with Barco Healthcare and Toshiba Medical Systems covering Enterprise Diagnostic Imaging Hardware, Software and Solutions businesses. Calum began his career in the semiconductor industry where he held functional and business leadership roles at Intel Corporation.

Click here to read moreClick here to read less

Notizie correlate

La visualizzazione ottimale del nostro sito richiede la versione più recente di Microsoft Edge, Google Chrome o Firefox.