1
A forma di mamma

L’amore per i libri si impara da piccoli

L’amore per la lettura è un grandissimo regalo che noi genitori possiamo fare ai nostri figli, crescendoli fin da piccolissimi a familiarizzare con il magico mondo dei libri.
 

L’esempio in questo campo è fondamentale e, anche se la vita di mamma non lascia tanto spazio per leggere, per crescere un grande lettore, è importante ritagliarsi qualche momento relax abituando i nostri figli a vederci mentre sfogliamo le pagine di un romanzo. Per imitazione, cominceranno anche loro ad apprezzare i primi libricini tattili di stoffa, vero e proprio trampolino di lancio per poi un giorno divorare romanzi.

Mamma che legge un libro con il suo bimbo

Avvicinarsi ai libri significa imparare a volare con la fantasia alla scoperta di nuovi mondi fantastici e accompagnare i bimbi in questo percorso è per una mamma un’avventura emozionante.

 

Si procede per tappe, introducendo un ingrediente per volta e dosando nel tempo le novità, proprio come accade con il cibo nel periodo dello svezzamento. Dai libri di sole immagini che incuriosiscono i poppanti, si possono cominciare a introdurre piano piano i libri con qualche parolina scritta e poi ancora le storie semplici dove le figure vengono associate alle frasi, che noi dolcemente leggeremo pagina dopo pagina, con tanta pazienza. Se riusciamo a rendere piacevole questo primo approccio con i libri stampati, senza quasi accorgerci si verrà a creare una specie di rituale quotidiano da condividere con i bambini, che ci aiuterà a staccare dalla routine per salpare verso il Regno della Fantasia, attraverso immagini, filastrocche, racconti e poesie.

 

Il segreto è riuscire a fare dei libri una presenza amica, vincendo il naturale timore che a volte un bambino può nutrire verso di loro. Una mamma potrà scegliere il momento più congeniale per leggere una storia, dopo la pappa, prima della nanna serale, come aperitivo o dessert; per fortuna nessun bambino ha mai fatto indigestione di racconti!

 

Capita a volte che i piccoli vogliano leggere sempre la solita storia, e ci ripropongono lo stesso libretto milioni di volte. Non c’è niente di male ad assecondarli perché evidentemente hanno bisogno di essere rassicurati da una trama che già conoscono. Magari cercate di introdurre qualche variante poco alla volta, cercando di far leva sulla loro curiosità. Anche la capacità espressiva di chi legge a un bambino fa gioco per tenere viva l’attenzione. Siate pure esagerate, con le facce, le smorfie e le intonazioni della voce, così i bambini si appassioneranno maggiormente alla vicenda narrata.

 

Un altro trucco per far amare i libri ai nostri figli è portarli spesso in libreria o nelle biblioteche se avete la fortuna di averne vicino a casa. Vedere tutti i volumi ordinati negli scaffali e poter sfogliare e scegliere quello che si preferisce è davvero stimolante, così come scorrazzare liberamente in un reparto per l’infanzia lasciando spaziare la fantasia.

Entra a far parte del Club My Baby & Me