1
0

Carrello

Al momento non ci sono articoli nel carrello.

    • Puoi restituire il prodotto entro 21 giorni

    • Spedizione gratuita sopra i €35

    • 2 anni di garanzia

    A forma di mamma

    Come sterilizzare il biberon alla perfezione


    Acqua bollente, soluzioni chimiche o sterilizzatori a vapore? Ecco come sterilizzare il biberon in modo efficace e rapido!
     

    Germi e batteri possono mettere a rischio la salute e il benessere del tuo bimbo. Se è bene non cedere a troppi allarmismi (il neonato non deve certo vivere in un ambiente sterile!), è anche vero che è essenziale assicurare la massima igiene degli oggetti che il piccolo mette in bocca, biberon in primis. L’uso di questo particolare bicchiere si rende necessario da subito in caso di allattamento misto, e diventa indispensabile quando i neonati cominciano a bere acqua. I pediatri raccomandano di sterilizzarlo almeno nei primi 4-6 mesi di vita, quando il sistema immunitario del bambino è ancora immaturo e non è capace di difenderlo a dovere dai microorganismi potenzialmente pericolosi. Ma come fare per sterilizzare il biberon alla perfezione? Ecco le tecniche esistenti e tanti consigli pratici!

    Come sterilizzare i biberon in acqua bollente


    Il primo metodo di sterilizzazione che ti presentiamo è quello più classico, quello “della nonna” per intenderci. Consiste nell’immergere il biberon in un pentolino di acqua bollente e lasciarlo bollire per 10 minuti. Il calore ha l’effetto di uccidere tutti i batteri presenti, ma si tratta senza dubbio di una tecnica scomoda: prima di tutto perché si impiega molto tempo, e poi per il rischio di scottature. Come asciugare i biberon sterilizzati, visto che sono ad altissima temperatura? E dopo aver sterilizzato i biberon, dove li metto per evitare di contaminarli di nuovo? Non basta un canovaccio apparentemente pulito.

    La sterilizzazione chimica


    Un altro sistema disponibile è la sterilizzazione chimica, immergere il biberon in un recipiente contenente un apposito disinfettante liquido o una compressa effervescente sciolta in acqua, lasciando agire la soluzione dai 30 ai 90 minuti circa. Anche in questo caso, il principale svantaggio è il tempo impiegato per la sterilizzazione, oltre all’oggettiva spesa per l’acquisto periodico del disinfettante.

    La sterilizzazione a vapore


    Ogni quanto sterilizzare il biberon? Possibilmente, dopo ogni utilizzo. Una tecnica vincente è quella che sfrutta il vapore acqueo all’interno di un apposito apparecchio detto sterilizzatore, che può essere elettrico o da forno a microonde. Si tratta di un metodo pratico e altamente efficiente, che richiede solo pochi minuti e non necessita di agenti chimici.
     

    Gli sterilizzatori elettrici contengono un bollitore, un termostato e un cestello per i biberon, mentre quelli per microonde sono costituiti da un particolare contenitore a chiusura ermetica che permette la formazione del vapore. In entrambi i casi, la sterilizzazione avviene in pochi minuti!

    Affidati allo sterilizzatore più veloce ed efficace


    Philips ti offre diversi modelli di sterilizzatori in grado di eliminare il 99,9% dei germi in modo estremamente rapido, e di mantenere i biberon e gli altri accessori sterili fino a 24 ore, se il coperchio non viene sollevato. In particolare, lo sterilizzatore elettrico (in grado di contenere fino a 6 biberon, pur occupando pochissimo spazio in cucina) impiega solo 6 minuti, mentre il modello da microonde ci mette appena 120 secondi nei forni di potenza superiore a 1200 W.

     

    Ma esiste anche una terza opzione, le buste per sterilizzare i biberon nel microonde, ancora più pratiche quando ti trovi fuori casa. Ti basta inserirvi il biberon e metterle nel forno, attendere pochi secondi e il gioco è fatto: germi e batteri, alla larga!