1
0

Carrello

Al momento non ci sono articoli nel carrello.

    • Puoi restituire il prodotto entro 21 giorni

    • Spedizione gratuita sopra i €35

    • 2 anni di garanzia

    A forma di mamma

    Pianto da coliche del neonato, i rimedi dolci per calmarlo

    Nei primi mesi di vita i neonati utilizzano il pianto per comunicare dai più semplici bisogni, come la fame o la sete, ai piccoli disagi di ogni giorno, come la voglia di coccole o il fastidio di un pannolino bagnato, senza tralasciare il pianto dovuto a stati di malessere fisico o al sonno. Come presto imparerai, mamma, quel che è certo è che ogni volta che il tuo bimbo piange vuole dirti qualcosa. Il pianto da coliche dei neonati è probabilmente quello che può destare maggiori preoccupazioni in una neo-mamma, perché risulta difficile da gestire. Ma vediamo bene di cosa si tratta e quali sono le cure più dolci per il tuo bambino.
    pianto_coliche

    Cos’è il pianto da coliche e come si manifesta

    Il pianto da coliche è conosciuto anche come pianto colitico del primo trimestre di vita. L’espressione si riferisce a un pianto spasmodico, molto forte e improvviso, che si manifesta normalmente nei primi tre mesi di vita del tuo bambino, di norma nelle ore serali, anche con una certa puntualità. Studi recenti¹ hanno dimostrato che la presenza delle coliche nei neonati oscilla tra il 3% e il 40% e che si tratta di un fenomeno che tende a sparire gradualmente dopo il terzo mese. Ma come fare a riconoscere un pianto da coliche? Anche se i neonati normalmente piangono molto, specialmente nelle prime settimane di vita, potrai riconoscere il pianto da coliche quando il tuo piccolo piange, per esempio, per oltre 3 ore, per più di 3 giorni a settimana, irrigidendosi, inarcando la schiena, tirando le gambine verso l’addome e agitando i pugnetti.
     

    Cause del pianto da coliche del neonato

    Il dolore delle coliche dei neonati è dovuto alla pressione esercitata sulle pareti intestinali dal passaggio di bolle d’aria, ma, di fatto, nonostante i numerosi studi sull’argomento, le cause restano ancora sconosciute. Tra le ipotesi più diffuse rientrano fattori di natura ambientale: l’ansia di mamme e papà, possibili allergie o intolleranze alimentari legate ai cibi assunti dalle mamme che allattano al seno, eccessiva deglutizione di aria durante le poppate. Alcune recenti ricerche sperimentali hanno ipotizzato che la causa possa essere anche un ambiente microbico alterato che porterebbe a dei piccoli malfunzionamenti intestinali, a un aumento della produzione di gas e, dunque, al manifestarsi della colica.²
     

    Rimedi dolci per il pianto da coliche

    Anche se si tratta di un fenomeno di natura transitoria, destinato a scomparire dopo il terzo mese, vedere il proprio bambino piangere in modo disperato e senza apparente motivo può essere causa di grande agitazione e di sconforto per una mamma. Quello da coliche è un pianto inconsolabile e improvviso, che può durare anche per ore! L’importante è non lasciarsi scoraggiare ed evitare che il piccolo avverta la tua ansia. Esistono tanti piccoli rimedi che ti permetteranno di alleviare il dolore e di calmare il tuo bambino. Il primo consiglio è certamente quello di assicurare al piccolo un ambiente sereno, tranquillo e poco rumoroso, evitando inutili fonti di stress. Uno dei rimedi più utilizzati per alleviare il dolore delle coliche dei neonati è quello di fare un semplice massaggio sul pancino e poi sulla schiena, con movimenti circolari e delicati ma fermi. Si tratta di un sistema facile ed efficace in grado, il più delle volte, di calmare rapidamente il bambino, perché aiuta a distendere le pareti addominali agevolando l’espulsione dell’aria in eccesso. Altro rimedio, consigliato anche da ostetriche e infermiere, è quello di cullare il bebè dolcemente tenendolo prono sul tuo avambraccio. Un ulteriore consiglio è quello di favorire la fuoriuscita di aria tra una poppata e l’altra, per evitare che ne ingerisca troppa. Basterà un ruttino, che potrai fargli fare tenendo il piccolo sulla spalla, mantenendo bene la testolina con una mano e dandogli dei lievi colpetti sulla schiena con l’altra.³
     

    Talvolta il tuo piccolo potrà trovare conforto anche in semplici oggetti come il ciuccio, grazie alla sua funzione consolatoria e rasserenante, oppure in fasce e marsupi che possono infondere un senso di protezione e sicurezza, proprio come quando era nel tuo pancione.


     

    ¹ Arikan D., Alp H., Gozum S., Orbak Z., Cifçi E. K., “Effectiveness of massage, sucrose solution, herbal tea or hidrolysed formula in the treatment of infantile colic”, Journal of Clinical Nursing 2008.

    ² Fonte: archivio IPASVI http://www.ipasvi.it/ecm/percorsi-guidati/le-coliche-del-lattante-id22.htm

    ³ Per ulteriori consigli, consulta sempre il tuo pediatra.