1
0

Carrello

Al momento non ci sono articoli nel carrello.

    • Puoi restituire il prodotto entro 21 giorni

    • Spedizione gratuita sopra i €35

    • 2 anni di garanzia

    A forma di mamma

    Dieta per allattamento: cibi consigliati e da evitare


    Cosa deve mangiare la neomamma? Ci sono cibi da evitare? Ecco tutto ciò che devi sapere sulla dieta per l’allattamento.
     

    Mangiare sano è sempre importante. Ma diventa ancora più fondamentale nel periodo della gravidanza e poi dell’allattamento: in questi magici momenti, infatti, il cibo che assumi non nutre solo il tuo corpo, ma anche il tuo piccolino, contribuendo a farlo crescere sano e forte. Una responsabilità meravigliosa, ma anche impegnativa! Per questo, è essenziale assicurarsi di assumere tutti i nutrienti fondamentali, in modo equilibrato.
     

    In particolare, i dubbi delle neomamme nei primi mesi di allattamento possono essere molti: posso mangiare tutto? Ci sono cibi che dovrei evitare? Cosa ordinare se vado al ristorante in gravidanza o allattamento? Di seguito cerchiamo di rispondere alle domande più frequenti.

    Cosa mangiare durante l’allattamento


    Prima di tutto, la mamma che allatta (sia nel caso di allattamento misto che esclusivo) deve avere una dieta il più possibile varia e quindi mangiare un po' di tutto, in modo bilanciato, avendo cura di assumere tanta frutta e verdura e abbondanti liquidi (almeno 2-3 litri d’acqua al giorno). Gli specialisti consigliano anche di aumentare leggermente l’apporto giornaliero di proteine rispetto al regime alimentare ordinario.

    Cosa non mangiare durante l’allattamento


    Nel periodo di allattamento non c’è nulla di categoricamente vietato. È tuttavia consigliabile evitare (o almeno limitare) l'assunzione di cibi potenzialmente allergizzanti o ricchi di istamina: per esempio arachidi, crostacei, molluschi, cioccolata e fragole.

    Attenzione ai sapori forti


    Potrà sembrarti strano, ma mentre allatti devi già fare attenzione anche ai “gusti” del tuo bimbo! Sì, perché potresti notare che dopo aver assunto alcuni cibi, come il peperoncino, l'aglio o gli asparagi, il piccolo rifiuti il seno o mangi con meno entusiasmo del solito. Questo avviene perché il sapore forte dell’alimento può modificare il gusto del latte materno. E allora, cosa fare? Normalmente, anche il bimbo tende ad abituarsi ai sapori e ad adattarsi alle preferenze della mamma. Ma se vedi che un cibo rende difficoltoso l’allattamento, magari puoi scegliere di evitarlo, almeno per un po’: non ci sono regole ferree, occorre valutare in base alla singola situazione.

    Cosa mangiare in allattamento per evitare le coliche?


    Gli studi dicono che non esiste una correlazione diretta e univoca tra particolari cibi e coliche nel neonato, ma esistono casi particolari in cui al bambino danno fastidio alcuni alimenti. Ogni bimbo è unico e quindi, anche per quanto riguarda le coliche, bisogna valutare caso per caso.

     

    In generale, è bene abituarsi a mangiare in modo corretto e cercare di mantenere il giusto apporto di nutrienti, non rinunciando però a viziarsi di tanto in tanto con i propri cibi preferiti!
     

    L’importante è sempre non esagerare e non fare scelte drastiche in questo periodo delicato: confrontati sempre con il tuo medico e con il pediatra di tuo figlio per tutto quello che riguarda l’alimentazione per l’allattamento (e non solo!).