Indietro
×

LA BARBA: DOS AND DON'TS

La barba, dopo anni di visi rasati alla perfezione, è tornata a incorniciare i volti di un numero sempre crescente di uomini.
Forse come segno di espressione virile, forse per moda, forse solo per prendersi meno sul serio, sono sempre più quelli che scelgono di mettere ogni tanto il rasoio da parte.
Bisogna ricordare però che la barba non è sinonimo di trascuratezza, tutt'altro. Una barba ben curata richiede infatti una cura costante e meticolosa che necessita di un'ottima conoscenza in fatto di lame e rasoi. Certo, nonostante i nuovi strumenti elettrici abbiano notevolmente semplificato le cose, quella della barba resta un'arte preziosa.

La barba più facile da ottenere e più semplice da curare è la "barba corta".

Riportata in auge dai grandi divi del cinema americano che negli ultimi anni l'hanno sempre più utilizzata per conferire carattere ai propri personaggi, la "barba corta" dona fascino con il suo tocco decisamente sauvage. E' il tipo di barba preferito dalle donne e risulta uno strumento di seduzione infallibile.

Do. Consigliatissima per chi ha il visto tondo o paffuto per ottenere un effetto più sfilato.
Don't. Chi ha una barba "a chiazze" o "ciuffi" la eviti. L'effetto maculato non è così trendy sugli uomini.

Anche la barba "media" (2-3 cm) è tornata a piacere molto.
Viene scelta tanto dagli uomini maturi quanto dai più giovani sulla scia della tendenza "hipster" sempre più dilagante.

Do. Interessante l'abbinamento con capelli molto ordinati, magari pettinati con riga laterale e ciuffo.
Don't. Trovo antiestetico combinare alla barba lunga una chioma fluente. L'epoca delle caverne è superata da un pezzo.

Dopo l'epoca d'oro degli anni duemila, il pizzetto e la mosca sembrerebbero incontrare meno il gusto della maggioranza maschile, ma non vogliamo farci influenzare dal momento che per quanto riguarda la barba bisogna sempre sceglierla nel rispetto del proprio gusto personale e in base a ciò che ci fa stare bene e, perché no, sentirci più belli.
-
-

Filippo Fiora

www.thethreef.com